Archivi del mese: gennaio 2018

L’anno che verrà, forse…

E allora pure st’anno, state boni,
se lo semo finarmente torto dai cojoni!

Si perché lo sai quello che famo?
Come che eravamo regazzini
Succede che ogni vorta che arrivamo
All’urtimo der mese de dicembre
Se ricordamo dell’impicci e de casini
Come fossero de ieri e non de sempre.

“So’ stato un egoista grezzo e assente
Ma te lo giuro amò, sarò un angioletto
L’anno che viene te riempirò de baci,
E se me gira bene te porto pure a letto.”

“Ma no, tesò, nun fa così che dici
è stata corpa mia te l’ho già detto,
È che tra er parrucchiere e ‘n giro co l’amici
nun t’ho potuto manco fa ‘n dorcetto.”

“Ma lassa perde Cì, nun sai che campionato…
La Roma? ‘Na traggedia quello che è successo!
Che puro er compleanno tuo me so scordato
E manco a avecce er tempo d’anná ar cesso!”

“Amo’ lo so’, che so problemi grossi
Che solo de mascara ho speso ‘na fortuna
Guarda che pelle secca, che occhi rossi!
E ‘n testa c’ho na stecca, che nun te dico niente!”

Pare de sta’ ner confessionale.
Rammarichi, promesse e prospettive
Nell’anno nuovo niente sarà uguale
Finche so ‘ste intenzioni quelle vive.

E er primo giorno ce credemo quasi
Puntuali se svejamo verginelli
Addosse un paro de mutande rosse
Pè scaccià er malocchio e allontanà le fosse
Aprimo la finestra e vedemo tutti belli,
Pure la socera che sta a annaffia li vasi.

Tutto è carmo, cinguetteno l’uccelli
È un film de Fellini, come na stasi…
Ma a da vede che st’anno pe’ davero
Cambia quarcosa? Moo sento, so’ sincero…

E mentre stai a guardà sta meravija,
squilla er telefono: cazzo c’ho na fija!

“A papà, bon anno a te ali mortacci!
Non dico ‘na telefonata, du messaggi
So du settimane che ‘n te vedo manco ai raggi
Ma ndo c’hai la capoccia, ai campanacci?

“Amore proprio mo t’avrei chiamato
è che so stato un po’ impegnato, ma te pare
che a la a stella mia der core innammorato
nun je facevo Bon anno e Bon Natale!”

“Si vabbè falla finita co ‘st abbaio
Che dell’auguri te ce poi fa un cappello
Nun m’hai pagato l’affitto de gennaio!
E mo se nun te sbrighi, vado a dormì all’Ostello!”

“Certo amore mio, buon anno a te!
È che tu madre me parea d’avemme detto…”

“Caro sto qua dietro da tre ore
‘Nun fa er furbetto e alzete dal letto
Che te ricordo c’è lo scardabagno rotto
Si nun volemo iniziá l’anno cor dottore…”

“Si giusto un momento, volevo prendè er the…”

“Papà, ma che s’è rotto anche er bidèt?”

Vabbè l’amo capito è n’illusione
Nun c’è na fine e manco c’è n’inizio
è un giorno come ’n antro ’n invenzione
ma è pure ‘n occasione
pe’ domandasse ciò che è vero
e che fittizio.

E allora,
visto che ormai ce stamo
visto che a nisuno famo danno
regalamose un sorriso, strignemose la mano
damose un bacetto e dimose…

“Papà! E dacce un tajo a ‘sto sonetto!
Co ste poesie finimo pe fa’ danno
che se ‘n te sbrighi a appercchià,
che è quasi capodanno
nu magni er cotechino ma ‘n sorbetto”

Vabbè, come se nu l’avessi detto…
Tanti saluti e baci
E auguri de Buon Anno!


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: